Home News Buoni propositi per il 2024: i consigli di Wallapop per vendere e...

Buoni propositi per il 2024: i consigli di Wallapop per vendere e acquistare in modo responsabile e vantaggioso

ADV

 

  • Partecipare all’economia circolare e adottare abitudini di consumo più sostenibili è possibile anche quando si è amanti dello shopping
  • Un utente potrebbe risparmiare circa 378 euro all’anno, equivalenti a un risparmio medio del 44%, scegliendo di acquistare oggetti riutilizzati anziché nuovi
  • Nel corso del 2023, la categoria “Collezionismo” ha segnato il più alto numero di transazioni, registrando un incremento del 133% rispetto all’anno precedent

Milano, 04 gennaio 2024 – Come ogni anno, a gennaio, dopo le feste e prima di tornare alla frenesia di tutti i giorni, si stilano le immancabili liste di buoni propositi. Un elenco di promesse, da chi aspira a migliorare sé stesso, chi il rapporto con altri e chi ancora il modo di affrontare nuove sfide lavorative e personali. Ma quanto è difficile trovare il modo giusto per soddisfarli tutti nel corso dell’anno?

ADV

ADV

Se tra i buoni propositi figurano anche la determinazione a risparmiare denaro, l’aspirazione a generare qualche entrata extra, oppure il desiderio di assumere un comportamento più sostenibile nei confronti del pianeta, grazie a Wallapop – la piattaforma leader nella compravendita di prodotti second-hand, che promuove un modello di consumo responsabile e sostenibile –è facile integrare la pratica del riutilizzo nella nostra quotidianità, con benefici per il portafoglio e per il Pianeta.

Il nuovo anno rappresenta infatti una buona occasione per “liberarsi” di tutto quello che abbiamo acquistato con entusiasmo nel 2023 per poi dimenticarcene durante il resto dell’anno. Vendendo questi oggetti, è possibile non solo fare spazio ma anche guadagnare un extra per realizzare i propositi di questo 2024.

Ecco quindi qualche pratico consiglio per affrontare al meglio il nuovo anno:

Per chi nel 2024 desidera ottenere qualche entrata extra

L’inizio del nuovo anno segna l’occasione perfetta per liberare spazio nella propria casa attraverso un decluttering di oggetti che non si utilizzano più, anche se ancora in ottime condizioni. La vendita di questi articoli su piattaforme second-hand come Wallapop potrebbe però trasformarsi anche in un’inaspettata fonte di guadagno: infatti, una ricerca condotta dalla piattaforma stima che gli Italiani conservano da 6 a 15 oggetti non utilizzati nelle proprie abitazioni, con un valore complessivo di €1.247.

Vendere ciò che non si utilizza più non solo permette di ottenere un guadagno extra, ma anche di compiere una vera e propria buona azione: questa pratica rende infatti disponibili per l’acquisto una gran varietà di oggetti, talvolta unici, che diventano in questo modo accessibili ad altre persone, anche in termini di budget.

Nel corso del 2023, tra le 20 diverse categorie merceologiche presenti sulla piattaforma, quella dedicata al “Collezionismo” ha segnato il più alto numero di transazioni, registrando un incremento del 133% rispetto all’anno precedente. Questo sottolinea l’interesse crescente degli italiani non solo a mettere in vendita, ma anche ad acquistare oggetti unici su Wallapop.

Per chi nel nuovo anno aspira a risparmiare

Dopo la frenesia della corsa ai negozi e le numerose spese per Natale, spesso più alte del previsto, gennaio si presenta anche come il momento ideale per iniziare a risparmiare e moderare i consumi. Grazie a Wallapop, è possibile perseguire quest’obiettivo durante tutto l’anno: infatti, secondo uno studio recente condotto dalla piattaforma, un utente potrebbe risparmiare circa 378 euro all’anno, equivalenti a un risparmio medio del 44%, scegliendo di acquistare oggetti riutilizzati anziché nuovi.

In particolare, nel corso del 2023 gli oggetti second-hand più acquistati dagli Italiani sono stati, nell’ordine: Samsung Galaxy, Nintendo Switch e macchine fotografiche. Questa scelta ha permesso agli utenti di Wallapop di risparmiare fino al 45% su macchine fotografiche e consoles, e fino al 42% su telefoni cellulari.

Per chi vorrebbe essere più attento al proprio impatto sull’ambiente

Partecipare all’economia circolare e adottare abitudini di consumo più sostenibili è possibile anche quando si è amanti dello shopping: basta orientarsi verso il mercato second-hand, ricco di opportunità per ogni gusto ed esigenza.

Grazie a Wallapop, su cui vengono pubblicati oltre 100 milioni di annunci ogni anno, è facile rintracciare l’oggetto dei propri desideri scegliendo però una modalità di consumo più responsabile; infatti, l’impatto ambientale di un acquisto second-hand è significativamente minore di un acquisto ex novo. Solo nel 2022, grazie a coloro che usando Wallapop hanno scelto prodotti second-hand invece che nuovi, sono state risparmiate al Pianeta510.535 tonnellate di CO2, l’equivalente di otto viaggi di andata e ritorno in auto verso il Sole, e 20 miliardi di litri d’acqua, equivalente a quella consumata dalla città di Verona in 1 anno.

E se quest’anno ci attenessimo per davvero a quanto promesso durante il brindisi di Capodanno? Con Wallapop, ogni utente ha davvero tutto da guadagnarci, dal venditore che cerca di liberarsi di oggetti indesiderati al compratore che ha finalmente trovato quello che cercava!

ADV