Home News MUSICA // Stefano Virga – Testa o croce (Etichetta: Virgus)

MUSICA // Stefano Virga – Testa o croce (Etichetta: Virgus)

ADV

In anteprima il videoclip
https://www.youtube.com/watch?v=jepKV4cYsoc

Il nuovo pezzo di Stefano Virga, in collaborazione con Stefania Tasca ed arrangiato da Fabio Gangi, si distingue per la sua semplicità e per la sua schiettezza: senza risvolti, senza troppe parole, niente è ridondante, quasi per far percepire fin dal primo ascolto che lo scopo è quello di arrivare all’obiettivo, o per lo meno dritto al cuore.

Forse questo non sarà il brano definitivo di Stefano Virga, probabilmente non era questo lo scopo della composizione, ma si percepisce in esso una nuova finalità: ricordare che siamo comunque umani. Anzi, ancor meglio, che c’è bisogno degli umani, del contatto, delle mani, degli occhi. Stefano Virga suggerisce chiaramente che è eccessivo credere nelle ali, nel metafisico o nel non-fisico.

ADV

ADV

Abbiamo bisogno del contatto fisico, della presenza umana, del respiro, dell’altro, chiunque esso sia. Il brano è semplice, non banale sia chiaro, di una semplicità che riporta all’efficacia e che riesce a superare con facilità i limiti della metafisica, del virtuale, riportando ad una realtà prettamente umana, semplice inevitabilmente, ma umana. Il rapporto tra gli uomini è alla base di questo brano, il contatto lo abbiamo detto, il connettersi non più in maniera super-fisica ma in maniera reale. 

Anche dal punto di vista musicale il brano risulta essere molto efficace, molto diretto, pochi gli strumenti, con una base forte che quasi come un mantra ripercorre tutto il brano. Tutto riporta alla essenzialità, che determina tutto, che suggerisce la necessità di ritornare umani.Lo definisco riflesso dell’anima e della vita.

 

 

ADV