Home Evidenza Pitti 2020 – Heritage and Future

Pitti 2020 – Heritage and Future

ADV

Presentate le novità dell’uomo Malo a Pitti Immagine Uomo 97: l’eleganza si fa strada tra “Heritage and Future”

Protagonista il “punto heritage”, trame e punti del passato, il malfilé e il mélange.

Filati che arrivano dalla storia della maison fiorentina,
tradotti in un lessico contemporaneo che strizza l’occhio al futuro.

Il Presidente Walter Maiocchi: «Dopo il lancio dell’e-boutique, le nuove aperture in Italia e all’estero, il nuovo servizio di rigenerazione dei capi, Malo partecipa a Pitti con una rinnovata consapevolezza. La riscoperta del passato per guardare al futuro grazie al ritorno di filati storici che ci permettono di proporre capi timeless, senza tempo»

Alla Fortezza da Basso di Firenze, l’eleganza di Malo, storico marchio fiorentino specializzato in maglieria di cashmere, si fa strada tra “Heritage and Future”. Il nome della collezione uomo AI20-21, presentata in occasione di Pitti Immagine Uomo 97, racchiude la filosofia delle proposte per la prossima stagione invernale: la riscoperta delle radici, del DNA, dei valori e dell’identità della maison come slancio verso la contemporaneità e il futuro. Tradizione, ricerca e classicità, caratteristiche peculiari che hanno reso Malo amato da generazioni, si trasformano per dare vita a nuove interpretazioni e a capi timeless, senza tempo.

adv
ADV

Ed ecco che tornano protagonisti i tratti stilistici tipici della maison: la trama peruviana, il malfilé e il mélange. Elemento distintivo della collezione è il “punto heritage”, un punto maglia ispirato alle architetture tipiche delle piazze fiorentine, caratterizzate da pavimentazioni con intarsi squadrati e regolari.

Malo sublima l’heritage reinterpretandolo in chiave contemporanea e ultra sofisticata. E lo fa in particolare con un’ispirazione: i ricordi fiorentini, ovvero i luoghi di Malo, le trame, il territorio, tornando al punto di partenza, dove il mondo Malo è nato, con nuove, importanti consapevolezze.

I colori sono quelli della natura, pigmenti di terre, piante e minerali. L’autunno si riflette nel calore dei filati, nei soffici nodi che inanellandosi richiamano foglie, erbe spontanee, una flora rigogliosa caratteristica delle campagne toscane, simbolo di prosperità e rinnovamento.

Il richiamo alla natura va ben oltre la forma, le materie prime più raffinate e rare al mondo sono lavorate nel pieno rispetto delle caratteristiche d’origine. I filati, sublimati dalle sapienti mani artigiane sono frutto di una rigorosa ricerca d’eccellenza da parte di Malo, la qualità viene esaltata, dichiarata, il processo creativo è meticoloso, risultato di un connubio armonioso fra maestranze italiane e telai.

Maglie, abiti, accessori nascono dall’intreccio di punti preziosi, il comfort assoluto resta un punto fermo in tutta la collezione, le qualità tattili regalano sensazioni di leggerezza e altissimo pregio a chi li indossa.

Artigianalità, impiego di fibre naturali, produzione completamente italiana, il fatto a mano, massima attenzione al dettaglio, eleganza e sobrietà. Sempre rinnovate, queste qualità che hanno reso celebre Malo in tutto il mondo, restano perfettamente coerenti alle esigenze contemporanee, i capi sono accoglienti e timeless, senza tempo né stagione. Pezzi in grado di adattarsi alla vita di ogni giorno, dal lavoro al tempo libero, resi speciali da cuciture e rimagliature manuali create per assecondare il corpo e suoi movimenti.

«Dopo il lancio dell’e-boutique, le nuove aperture in Italia e all’estero, il nuovo servizio di rigenerazione dei capi, Malo partecipa a Pitti con una rinnovata consapevolezza. La riscoperta del passato per guardare al futuro grazie al ritorno di filati storici che ci permettono di proporre capi timeless, senza tempo. Puntiamo all’heritage come elemento di partenza per avvalorare il futuro – dichiara Walter Maiocchi, Presidente e proprietario della Malo insieme a Luigino Belloni, Sales Manager, e Bastian Mario Stangoni, Responsabile Produzione – Heritage & Future è il tema della nostra collezione, ma è anche e soprattutto una dichiarazione di intenti: tornare al passato per legarsi, intrecciarsi con il futuro, perché non c’è domani senza tradizione. I capi Malo diventano così un distillato di gesti artigiani, simbolo di cultura e memoria, strumenti preziosi di slancio verso la contemporaneità e il futuro».